Alimentazione

“Noi siamo quello che mangiamo”, così asseriva il filosofo Feuerbach nel 1800 ma già molti secoli prima Ippocrate aveva sottolineato l’importanza del cibo nel mantenimento dello stato di salute.
Gli alimenti sono quindi un aspetto fondamentale della nostra vita ed è appurato che un’alimentazione varia, sana ed equilibrata è fondamentale per il raggiungimento e mantenimento dello stato di salute. Proprio per questo motivo, ogni giorno veniamo bombardati da messaggi sull’alimentazione e sulla corretta dieta da seguire. Ma come facciamo a distinguere tra i messaggi veri e quelli falsi e ingannevoli? E ancora… la vita frenetica e il lavoro ci fanno perdere di vista l’organizzazione dei pasti? Spesso ci ritroviamo a mangiare di corsa e sempre gli stessi alimenti?
Se non riusciamo a trovare risposte a queste domande, l’educazione alimentare può essere di aiuto per imparare le regole base di una corretta nutrizione, per capire come organizzare al meglio la spesa e l’alimentazione quotidiana per arrivare ad un miglioramento dello stato nutrizionale mediante l’eliminazione di comportamenti alimentari scorretti e la promozione di sane abitudini alimentari.
Mangiare correttamente significa seguire una dieta variata e bilanciata per garantire la soddisfazione delle esigenze nutrizionali dell’organismo. Gli alimenti dovrebbero essere assunti con la consapevolezza del loro valore nutrizionale e del relativo apporto di sostanze nutritive perché un’alimentazione monotona, basata sempre sugli stessi alimenti, può portare a squilibri e carenze nutrizionali.

Un aiuto per seguire la corretta alimentazione ci viene dato dalla piramide alimentare che rappresenta una composizione ideale della Dieta Mediterranea.
Attraverso un percorso di educazione alimentare si può capire come orientarsi nel campo alimentare conoscere ed utilizzare al meglio i cibi per mantenere lo stato di salute, controllare il peso e migliorare il proprio aspetto. In questo modo si riesce a diventare autonomi nella gestione degli alimenti e del peso corporeo e ad evitare l’effetto yo-yo che spesso si realizza dopo diete ripetute, effetto noto come “paradosso della dieta”.